Phone +39 0143 321582

Simone Berrino e Alberto Segatto alla “The Night of Triathlon” di Marina di Massa

Il .

19 giugno - La chiamano "La notte del Triathlon" perchè è l'unica manifestazione che viene disputata in notturna in Italia è quello che si è svolto sabato 19 giugno sulla spiaggia e sul lungomare di Marina di Massa. Un Triathlon sprint (750mt di nuoto, 20km di bike e per concludere una frazione Run di 5km). Due nostri atleti in gara che hanno affrontato la prova con due storie e motivazioni diverse. Alberto Segatto dopo mesi di stop forzato per un doloroso infortunio ad una caviglia riusciva finalmente a chiudere la sua prova al 309 posto con il tempo di 1h27'20" felice come non mai per essere riuscito finalmente a vedere "la luce in fondo al tunnel" dopo questi mesi di sofferenza. Al via anche Simone Berrino che sta cercando pian piano di metabolizzare la grande paura di un incidente automobilistico che l'aveva visto coinvolto sabato 5 giugno sulla tangenziale di Milano proprio al ritorno di una gara di Triathlon. Ancora scosso e un pò contratto concludeva comunque la prova al 38esimo posto assoluto con il tempo di 1H05'39" (18'21" la prova di run sui 5km).

CLASSIFICA

La classifica della Virtual14 e il saluto di Pier Marco Gallo

Il .

 20 giugno - “Cari amici si chiude qui, per il momento, con il sopraggiungere del caldo estivo, il nostro piccolo/grande circuito che ci ha tenuto compagnia per tanti mesi ed anche se da lontano ci ha dato la spinta per cercare di dare il meglio di noi stessi. Come in ogni cosa che finisce c’è un poco di malinconia e la speranza di avere fatto le cose al meglio. Non virtualmente ho trovato tanti amici podisti, con i quali mi auguro di poter mantenere i contatti. Tra non molto spero si torni a correre in libertà, vaccinati e resi più maturi dal pericolo che tutti quanti abbiamo affrontato. In questa ultima prova abbiamo avuto due sorprese: più veloce di tutti sui 5 km? Antonella Castello dell’Atl. Novese che per due secondi ha battuto i maschietti 21’35” contro i 21’37” a pari merito per Dario Franco (Atl Valpellice) e Salman Batarseh (RunCard). Terzo sui 5 km Angelo Lepratto (Atl Ovadese Ormig) 21’49”. Sui 400 metri per due volte ancora prima Antonella Castello (Atl Novese) con tempo complessivo di 3’03”.Tra gli uomini più veloce Paolo Pistono (Atl Candelo Biella) 2’33” davanti a Franco Dossena “il grande Frank” dell’Atl. Novese 2’44” a pari merito con Alberto Gremmo 2’44”. Tra le donne sulle due prove piazza d’onore per Anita Tron (Atl Valpellice). Ancora un pensiero: spero di aver proposto delle prove bilanciate ed in grado di farci mantenere un buon stato di forma. Nei prossimi giorni vorrei ancora stilare una classifica per “presenze”: un doveroso ultimo atto di un qualcosa che ha riunito l’Italia dal Nord alla Sicilia e questo, forse è stato il risultato più bello. Un grazie a Francesco che con il suo “nostro” sito ci ha sempre supportati egregiamente. Mi sto dilungando ed anche emozionando in questa ultima sera di primavera che domani ci regalerà oltre all’estate anche il giorno più lungo dell’anno….” Pier Marco

CLASSIFICA

DISPOSITIVO VIRTUAL  15

Claudia Fossa alla Lago Maggiore Half Marathon

Il .

19 giugno - Il Lago Maggiore non ha bisogno di presentazione e la mezza Maratona con arrivo e partenza a Verbania ha raccolto l’adesione di un numero davvero importante di atleti con una caratura tecnica altrettanto importante, pur in una giornata in cui il clima non ha certamente agevolato l’impegno degli atleti. Per i nostri colori la trasferta è stata affrontata dalla sola Claudia Fossa. Per lei crono finale di 1h55’48’’ che le è valso in nono posto nella classifica di categoria.

CLASSIFICA

Gavuglio e Greco alla 1^ Trivero-Bielmonte

Il .

19 giugno - In questo periodo Armando Greco e Francesco Gavuglio non stanno di certo lesinando l’impegno. Il sabato pomeriggio è stato dedicato ad una trasferta nel Biellese dove si è disputata la prima edizione della Trivero-Bielmonte. Tracciato di 13km con più di 700 metri di dislivello tra partenza (avvenuta all’interno dell’Oasi Zegna) e arrivo. Percorso con tratti di salita con pendenza molto impegnativa che i nostri ragazzi hanno definito durissimo. Per entrambi sono comunque arrivate prestazioni che hanno permesso di frequentare i piani alti delle classifiche delle rispettive categorie (Franco terzo e Armando quarto).

CLASSIFICA

Sanremo Half Marathon

Il .

19 giugno - A Sanremo si è corso nel pomeriggio per la Run for the Whales Half Marathon su di un percorso variato all’ultimo momento per cause di forza maggiore dovendo così rinunciare all’antico tracciato della ferrovia che costeggia il mare tra San Lorenzo e Sanremo. Tracciato quindi ed ovviamente non omologato: gli atleti al via hanno comunque fatto la loro parte e vi rimandiamo alla classifica per il dato tecnico della prova. Per i nostri colori al via Luigi Macciò , che ha totalizzato così la quarta prova sulla distanza di mezza maratona nel giro di 20 giorni: se non è un record …. poco ci manca. Per lui tempo finale di 1h48’48’’ Altri due nostri ragazzi in gara, entrambi all’esordio in biancoceleste: Luigi Fungo e Gianlorenzo Bo. A loro il benvenuto a bordo e i complimenti per aver corso a sostegno di Gianfranco Mogliotti, ragazzo di Rocchetta Tanaro (il paese dei nostri due atleti) a cui, da più di 20 anni, è stata diagnosticata la sclerosi multipla: all'emozione della gara si è aggiunta la gioia di essere di supporto e di aiutare Gianfranco a raggiungere il proprio traguardo.

CLASSIFICA

  Doppio appuntamento al Costante Girardengo per i più giovani

Il .

19 giugno - Sulla pista di casa, vecchia e malandata, oggi si è vissuto un doppio appuntamento dedicato alle categorie Esordienti, Ragazzi e ragazze. Si è cominciato nel primo pomeriggio con il programma dedicato agli atleti più piccini provenienti da tutte le società alessandrine che curano il settore: per loro una sorta di esibizione imperniata su prove di velocità (30, 50 e 60mt per le tre diverse fasce di età della categoria esordienti), su di un percorso ludico che prevedeva salti, capriole e piccoli ostacoli da scavalcare e su una doppia prova di lancio del vortex (lunghezza e precisione). Per la categoria E10 anche una prova in ostacoli. Grandissimo impegno e divertimento per tutti e ancor più divertente il fuori programma finale con una corsa di mezzofondo di 150mt (per i nati tra il 2014 e il 2016), di 200mt per la categoria E8, di 400mt per i più grandicelli della E10. Grande tifo anche in tribuna dove finalmente c’era parecchia gente e alla fine tutti i protagonisti hanno potuto ricevere la medaglia di riconoscimento per la partecipazione. A metà pomeriggio si è invece dato il via alla prima tappa del Trofeo nazionale delle Province riservato alle categorie Ragazzi e Ragazze: per oggi erano in programma i 60mt, i 1000mt, il salto in alto e il lancio del vortex. Domani si continua sulla pista del campo di atletica di Viale Massobrio ad Alessandria. La prova di velocità, quella di mezzofondo e soprattutto il salto in alto hanno offerto risultati tecnici molto apprezzabili e vi proponiamo il link al sito Fidal per approfondire: http://www.fidal.it/risultati/2021/REG25973/Index.htm

Chi volesse avere foto in alta definizione della giornata può contattarci via mail (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

FOTO

ALBUM FOTO di Anna e Giorgio Tassistro

A Celle Ligure per l’Anteprima del meeting Arcobaleno

Il .

16 giugno - Eccoci qui a raccontare un mercoledì in Liguria e precisamente a Celle Ligure, per partecipare alla riunione in pista “Anteprima del Meeting Arcobaleno” organizzato (molto bene) dall'Atletica Arcobaleno dell'amico Giorgio Ferrando. Il viaggio verso la Liguria non è stato dei più facili perché a causa dei lavori per coprire i pochi km che ci separano da Celle ci sono volute dueoreemezza! di viaggio e, ciliegina sulla torta, arrivati al casello di Celle.... lo abbiamo trovato chiuso!! E senza preavviso!! Questo fatto ha costretto gli organizzatori a ritardare tutto il programma per permettere agli atleti di essere presenti. Va beh, ora pensiamo alle cose belle, regalateci dai nostri giovani, con l'entusiasmo che sempre sprigionano: Giacomo Guastoni, Eduard Juga, Gabriele Marchelli, Irene Rizzo, per la categoria ragazzi, Emilia Silla, Lucia Allegretti e Cecilia Rizzo, per le cadette. Forse un po’ spaesati per essere presenti ad un meeting importante e in un bellissimo stadio ecco che i nostri giovani si presentano in pista per il lancio del vortex: prima le femmine e quindi ecco Irene che con tre bei lanci completa la sua gara e torna in tribuna felice a fare il tifo per i suoi compagni. Subito dopo ecco in pista i giovanotti e quindi Giacomo, Eduard e Gabriele, con grande cipiglio si confrontano con gli altri atleti: a chi va meglio e a chi un po’ meno, ma l'unico denominatore per tutti è la volontà di impegnarsi al meglio delle proprie possibilità. Per loro neanche il tempo di fare una riflessione su come è andato il vortex e vengono chiamati ai blocchi per i 60 metri: anche in questa gara hanno sprigionato tutta la loro voglia di fare e alla fine tutti felici ( anche io) per avere fatto il proprio dovere. Andati in tribuna i ragazzi ecco che a rappresentare Atletica Novese scendono in pista le cadette: Emilia, Lucia e Cecilia, con quest’ultima che rientra alle gare dopo un leggero infortunio che l'aveva fatta fermare. Impegno e concentrazione rivolta agli 80 metri: Cecilia fa subito il suo nuovo personale mentre Lucia lo manca per un nonnulla. Discorso a parte per Emilia: per lei periodo di ottima forma e quindi speravamo, lei compresa, in un suo nuovo pb: questo è venuto a mancare, ma non per questo non si è abbattuta Passato il primo momento di rabbia si è subito rivolta alle prossime gare per rifarsi. La giornata in liguria è finita qui, però per consolidare le amicizie e anche per festeggiare la quasi uscita dal tunnel della pandemia (ma attenzione, che non vuol dire tutti allo sbaraglio), ci siamo concessi una bella pizzata con puro divertimento per i giovani e meno giovani( genitori). In un angolino in fondo anche il mio scarso risultato nel lungo e se la stagione va avanti in questo modo…. niente di buono all'orizzonte. Cerea a tutti dal Vince.

Risultati:

Salto in lungo uomini: http://www.fidal.it/risultati/2021/REG25858/Gara128.htm

80mt cadette: http://www.fidal.it/risultati/2021/REG25858/Gara202.htm

Vortex ragazze: http://www.fidal.it/risultati/2021/REG25858/Gara477.htm

60mt ragazzi: http://www.fidal.it/risultati/2021/REG25858/Gara501.htm

Vortex Ragazzi: http://www.fidal.it/risultati/2021/REG25858/Gara577.htm

 

La 6 ore di Torino nelle parole di Fabrizio Lavezzato

Il .

17 giugno - A bocce ferme, metabolizzata la fatica e l’emozione, Fabrizio Lavezzato ci racconta la sua gara di sabato scorso: La decisione di partecipare alla 6 Ore di Torino risale al 22 maggio, poche ore dopo il Campionato Italiano della 100km dove Ilaria è giunta seconda, al termine di una gara memorabile. Io l’ho accompagnata per 60km, poi sono finite le forze e mi sono dovuto ritirare. Un po’ l’avevo messo in conto, visto che due settimane prima avevo corso circa 70km alla 6 Ore di Corato, però un ritiro, peraltro il primo da quando corro, lascia sempre l’amaro in bocca. Siamo in macchina e stiamo tornando a casa, parlando al telefono con il nostro allenatore Vittorio. “Devi andare a Torino il 12 giugno, puoi fare la 6 Ore, la condizione c’è, oggi è stato un incidente di percorso”, queste sono le sue parole. Gli dico che ci penserò ma in realtà ho già deciso: è un rischio ma non voglio finire questa prima parte di stagione con un rimpianto. Le tre settimane prima della gara trascorrono bene. Ilaria, nonostante l’impresa di Imola, invece di godersi un po’ di riposo, mi accompagna in tutti gli allenamenti e questo per me psicologicamente è un aiuto fondamentale. Il 2 giugno dobbiamo correre 1h30’ in progressione lungo il percorso tra Francavilla e Basaluzzo. Chiudiamo l’allenamento con oltre 21km e lì capisco che posso far bene. Gli ultimi allenamenti in prossimità della gara sono un po’ meno brillanti, ma questo mi succede sempre: patisco molto l’avvicinamento alla competizione. Sabato 12 giugno è una giornata caldissima, una delle prime di questo inizio estate. All’arrivo al Parco Ruffini, verso le 14.00, vedo gli atleti impegnati nella 24h, 12h e 100km che sono partiti alle 10.00 del mattino. La mia gara parte alle 16.00. Il percorso è piattissimo, un anello da 1km circa, con 4 curve, ideale per correre forte, se ci fossero le condizioni per farlo. Molti atleti, anche forti, sono in difficoltà, alcuni camminano e qualche favorito della 100km si ritirerà da lì a poco. Al momento della partenza ci sono oltre 30 gradi, lungo il tracciato ci sono tratti in ombra, ma si fa fatica a percepirne il beneficio. Subito dopo lo start 5-6 atleti partono a razzo, io mi posiziono sul mio ritmo come da programma. Dopo circa una ventina di minuti mi ritrovo a fianco di un atleta, ci presentiamo, si chiama Alessio Bozano, è di Savona, e mi riferisce di avere un personal best in maratona sub 2h50’. Alessio ha intenzione di correre a 4.45-4.55/km per le prime 3 ore per poi accelerare. Mi propone di andare avanti insieme per metà gara: il ritmo mi sembra troppo veloce, data la giornata. Valuto un attimo, Alessio è veloce però il suo passo, come il mio, è regolare, giriamo a 4.50/km circa, per cui decido di accettare la sua proposta perché il beneficio di avere compagnia è troppo grande in una gara simile. Fa caldo, beviamo moltissimo, ad ogni giro, ma la gola è sempre secca: trovo beneficio solo in un ghiacciolo che mi viene passato da uno degli addetti e che mi mangio correndo. Verso la fine della terza ora arriva la mazzata, Alessio si ferma. Dopo un giro prova a ripartire, facciamo ancora un chilometro insieme, ma poi si ferma nuovamente: problemi di stomaco, deve ritirarsi. Si ritirano in tanti, altrettanti vanno avanti camminando. Mi trovo solo ed inizio anche io a soffrire: mi dicono che sono secondo, fino alla quarta ora corro bene, ma poi all’inizio della quinta ora inizio davvero a far fatica. Bevo ogni chilometro, ma dopo 100 metri ho di nuovo la gola secca. Faccio passare i giri cercando di distrarmi con le cuffiette e la musica, ancora di salvezza in caso di estrema necessità. All’inizio della quinta ora incrocio Stefano Castoldi, sta facendo la 12 Ore, lui è una sorta d’istituzione nel mondo ultra “Ste, sono stanchissimo, non ce la faccio più. Che cosa devo fare?” gli chiedo. “Manca un’ora. Siamo tutti stanchi, io ho cominciato 6 ore prima di te. Corri e non fermarti, hai quasi finito” la sua riposta perentoria. Corro. O almeno ci provo per i successivi 30’, poi nell’ultima mezz’ora accade quasi di botto mi rianimo e riprendo un’azione accettabile, addirittura sotto i 5/km negli ultimi 3 giri, quasi come nella prima parte di gara. C’è chi lo chiama effetto magico delle ultra, ma forse è solo una reazione nervosa, che ti spinge a trovare nel fondo del serbatoio anche quello che non c’è più. Appena suona la sirena e poso atterra il conetto della posizione finale, mi piomba addosso tutta la stanchezza. Mi appoggio ad una transenna: quando mi dicono che sono arrivato secondo sono super felice. Il chilometraggio, 68,883 km è di poco inferiore all’obiettivo dei 70 che mi ero riproposto ad inizio giornata. Va bene così, posso solo essere contento. Fabrizio

Rocco, Armando e Franco alla “Sulle strade del Colla”

Il .

16 giugno - Trasferta a Boves per una “special edition” della classica “Sulle strade del Colla- Trofeo della Resistenza” per i nostri Rocco Longo, Armando Greco e Francesco Gavuglio: dalla tradizionale collocazione del 25 aprile la gara è stata rinviata a questa sera e disputata in due differenti serie (riservate rispettivamente alle categorie femminili e over 50 e alle categorie maschili under 50) essendo anche inserita nel calendario del CorriPiemonte. Percorso tutto cittadino su di un tracciato da ripetere due volte per complessivi 5,2 km. Rocco ha fatto girare la gamba piazzandosi in 14^ posizione nella prima serie e terzo tra gli SM55 con un crono di 19’50’’. Poco più indietro Armando Greco, quarto nella stessa categoria. Francesco Gavuglio è invece giunto quinto nella SM70, categoria dominata da un certo Marco Olmo. Per i dettagli vi rinviamo a questo link Classifiche http://www.fidal.it/risultati/2021/REG24964/Index.htm

 

CONTATTACI

Via Crispi 27,
15067 - Novi Ligure, - AL -

Tel.: +39 0143 321582
Fax: +39 0143 1970160
atleticanovese@atleticanovese.it

CONTATTO VELOCE