Phone +39 0143 321582

Giro dell’Acquedotto Prato-Valcanate

Marchese Volpiano10 novembre L’appuntamento podistico genovese di questa domenica era fissato per il classico Giro dell’Acquedotto sul percorso da Prato a Valcanate e ritorno per un totale di 8,5km. Partecipazione in tripla cifra con quasi 170 classificati. Per Atletica Novese presente il solo Antonio Gioffrè che ha concluso al quarto posto nella categoria di appartenenza A voi la classifica

Classifica

Maratonina Città di Busto Arsizio

Marchese Volpiano10 novembre Luigi Macciò non arresta il suo straordinario motore e stamani ha puntato la prua verso Busto Arsizio per disputare la Mezza Maratona: giornata perfetta , soleggiata e fresca, e Luigi ha concluso la prova correndo in 1h40’39’’ . La gara ha richiamato al via più di 1300 atleti.

Classifica

Luisa Marchese al suo massimo a Riva del Garda

Marchese Volpiano10 novembre La Garda Trentino Half Marathon si è disputata oggi a Riva del Garda richiamando al via più di 3300 partenti in una giornata climaticamente perfetta. Grandi risultati con livello tecnico di primo livello e Atletica Novese che si ritaglia un ruolo di prestigio grazie a Luisa Marchese: per lei è stata una giornata importante che l’ha vista conquistare la sesta posizione assoluta, la prima di categoria con un crono finale di 1h25’37’’ che rappresenta la sua miglior prestazione di sempre. Un miglioramento di quasi un minuto rispetto al proprio pb!!!!!!

Classifica

Diego Scabbio alla MarianTen di Crema

10 novembre Diego Scabbio ha partecipato alla Marian Ten di Crema, gara di contorno alla Mezza Maratona cremasca e che vuole avere anche un significato benefico: 177 i partecipanti con livello qualitativo davvero importante. Diego ha ottenuto l’undicesima posizione assoluta e la seconda di categoria correndo i 10km omologati Fidal in 34’56’’fallendo l’entrata nelle prime dieci posizioni davvero per un nonnulla.

Classifica

Cross di Vaprio d’Agogna

9 novembre Il Poker del Cross Novarese ha vissuto oggi a Vaprio d’Agogna la gara di esordio dell’edizione 2019/2020 (la ventesima della sua storia) e proseguirà a dicembre con la tappa di Bedisco d’Oleggio, in gennaio con il cross di Castelletto Ticino per concludersi a Trecate all’inizio di febbraio. Percorso di 6km sviluppato su tre giri e partecipazione davvero importante con quasi 250 atleti in gara. Atletica Novese si è presentata al via con Stefano Romagnollo, Annalisa Mazzarello e Mario Bergaglio. Nessuna prestazione da podio ma un buon test in vista della lunga stagione delle campestri.

Classifica

NYCM: Atletica Novese c’era

3 novembre - Se, mentre andate a correre, incontraste un vecchio amico completamente a digiuno di qualsivoglia passione sportiva, vedendovi vestito da runner, vi chiederebbe a bruciapelo se avete già corso la maratona di New York. Ed è proprio questo il segreto di un evento che travalica il puro aspetto sportivo. Notorietà assoluta e universale, fascino illimitato e la forza del sogno per chi non l’abbia mai corsa. L’edizione 2020 va in archivio con i soliti grandi numeri e dal mare delle classifiche emergono i nomi di ragazzi e ragazze in biancoceleste a cui va il bravo più affettuoso di tutti i compagni di squadra. Ecco i loro risultati:

Teresa Mantero (3h35'01") 28^ atleta italiana al traguardo tra le 809 connazionali classificate

Santo Fiorenza (3h37'11")

Elena Merendi (4h17'33")

Antonio Scotto di Luzio (4h36’26’’)

Luca Parodi (4h40'14")

Paola Bergaglio (4h49'10")

Pietro Torchio (5h00’54’’)

A questo link tutte le classifiche https://results.nyrr.org/event/M2019/finishers#page=1

Istanbul Marathon

3 novembre - Chi non è mai stato ad Istanbul e almeno una volta ne ha avuto la tentazione lo faccia pure, convintamente, alla prima occasione. Qualche dato statistico non accontenta il romanticismo ma può dare un'idea. La città è la più grande (quattro volte Londra) e popolosa (nessuno sa con precisione il numero di abitanti, ufficialmente dodici milioni in realtà pare siano almeno venti) d'Europa. Ultimamente sei milioni di turisti la visitano ogni anno. I nostri occhi della “prima volta" l'hanno vista così: un indescrivibile luogo di commerci e traffici, in una ambientazione in bilico tra l'epoca vittoriana, il suk arabo ed una modernissima rete di trasporti e strade a scorrimento veloce. Qui tutti spostano di tutto e si muovo continuamente in una folla ondeggiante a volte così fitta, nelle stradine del centro, da doversi regolare a spintoni. È una frenetica, incredibile attività da formicaio operosissimo lontanissima dalla sonnolenta e vagamente deprimente apatia che regna a casa nostra. Ci sono strade in centro dove si possono trovare centinaia di piccoli negozi, uno accanto all'altro che vendono esattamente gli stessi articoli stipati a migliaia in vetrine e scaffali. Per strada, nel gran bazar (il mercato coperto più esteso al mondo), nei negozietti che affacciano sui lati di quello delle spezie, ovunque si è investiti di colori, luci, richiami dei commessi, odori di pesce fritto, di castagne e pannocchie alla brace, degli enormi spiedi dei Kebab che girano senza interruzione e vengono rifilati senza sosta da mani rapide e chirurgiche. In questa atmosfera stordente si viene accolti dalla gentilezza di tutti, dagli sguardi furtivi delle donne dal capo coperto e da quelli sfrontati delle adolescenti “laiche" libere quanto le nostre ma smaliziate quanto sanno essere i popoli delle terre di confine. Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul, molti nomi per descrivere questa enorme porta incastrata tra ovest ed est. L'Europa e l’Asia, le chiese di Cristo e l'Islam si sono sempre incontrate qui. Da millenni. Si dice che ad Istanbul si parlino 70 lingue e mezzo (l'idioma zingaro), c’è da crederci. La 41^ Maratona per noi è cominciata presto, in una mattina fresca. Abbiamo l'albergo in zona centrale, tra Sultanahmet (la collina ove sorgono la chiesa-moschea di S.Sofia e molti altri incredibili palazzi) e la stazione ferroviaria di Sirkeci, per interderci quella dove arrivavano (e ancora arrivano, ma in versione solo turistica) i viaggi regolari dell’Orient Express. Speciali nuovissimi bus di linea trasformati in centinaia di navette ci hanno trasportati a migliaia in Asia, per loro qui di fronte. Dopo aver transitato, in un'alba color del the che illuminava il mar di Marmara ed il Corno d'oro, sul ponte Galata (deve il nome alla torre ed alla storica zona di influenza genovese) e superato uno dei modernissimi quartieri di alberghi e banche siamo discesi verso l’Asia raggiunta per mezzo del Bosforo bridge. Sulla linea di partenza eravamo veramente una moltitudine variopinta. Mai vista in una gara podistica tanta gente muoversi, correre per riscaldarsi, affannarsi in ogni direzione. In effetti contemporaneamente si correva la 15 chilometri che richiama tantissimi iscritti. La chiamano la corsa dei due continenti o Eurasia marathon e penso che nel loro sentimento nazionale serva anche a rappresentare un ulteriore simbolo di unità. La partenza alle nove precise ci ha mossi a ritroso verso il ponte sullo stretto (è assai lungo, a schiena d'asino e somiglia alla versione moderna del Ponte Morandi che ormai giace nel profondo delle nostre nostalgie) per poi costringerci ad una ripida salita di un chilometro ed alla successiva brusca discesa. È cominciato così un percorso che dopo dieci chilometri ha raggiunto il centro città, allontanandosene sul lato del mare e sul terribile solidissimo asfalto di una autostrada (o superstrada) tutta saliscendi, sottopassi e soprapassi. Dal venticinquesimo si tornava sull'altra corsia per arrivare, dopo un ultimo chilometro di cattivissima salita, sulla spianata che , ancora al buio, ci aveva visti far la fila per le navette. Alla distanza della Mezza ho capito come sarebbe andata a finire, mi sono rassegnato consegnandomi al martirio in compagnia di un solido giovanotto olandese incontrato al quindicesimo con il quale ci siamo afratellati chiacchierando quando il fiato ce lo concedeva e che al trantaseiesimo ha allungato precedendomi sul traguardo di qualche minuto. Mi ha atteso per dirmi che era la sua prima volta qui come per me e che se non fosse stato per il nostro incontro non sarebbe arrivato in fondo. Sarà, ma dubito, personalmente mi sentivo uno straccio da lavare per terra e quando Carmen mi ha chiamato per farsi vedere mi sono sentito un po’ vecchio. Lei ha corso per una dozzina di chilometri dalla partenza fino all’albergo, approfittando dell’occasione, poi mi ha preceduto sul traguardo, come sempre. Benedetta ragazza, mi ha dato una mano a rivestirmi.

CLASSIFICA

Berg Trail 2019: Nicole terza nella prova breve

 3 novembre - Un percorso spettacolare nell’entroterra di Bergeggi e Spotorno in una giornata purtroppo avversata dal maltempo: questo il teatro del BergTrail 2019 con più di 31 km da percorrere e 1480mt di dislivello positivo da vincere nella gara di maggiore durata mentre era prevista anche una prova di 17km con D+ di 780mt. Per Atletica Novese erano presenti Sandro e Nicole Trezza e Giuseppe Piccioni: molte le difficoltà incontrate dai nostri atleti con l’aggiunta di un allungamento di percorso dovuto ad errate segnalazioni. Dalle classifiche arriva la bella notizia del terzo posto assoluto di Nicole nella prova breve. A voi per tutte le graduatorie

CLASSIFICA prova lunga

CLASSIFICA prova corta

FOTO

Roselli e Scabbio in luce a Castellazzo

3 novembre Una mattinata tipicamente autunnale, piovosa e abbastanza fredda, ha accolto i quasi 200 atleti che hanno scelto l’impegno della StraCastellazzo per concludere il lungo weekend podistico di Ognissanti. Percorso di 11,5 km che alterna tratti in asfalto e in sterrato: fango a profusione in due tratti del tracciato ma difficile pensare che potesse essere diverso, visto il meteo. Vittoria di Stefano Velatta, ancora per poco tempo con i colori di Atl.Paratico ma il nostro team mette due atleti sul podio grazie a Gabriele Roselli, brillante secondo ad una manciata di secondi dal vincitore, e a Diego Scabbio, arrivato terzo a poco più di 12 ore dal super impegno di Gaglianico che gli ha fruttato il titolo di campione regionale sui 10km per la categoria Sm45. Al femminile si è imposta Iris Baretto (Trionfo Ligure) sulla rientrante Giovanna Caviglia. Altri nostri atleti hanno corso bene tanto da poter contare cinque biancocelesti nelle prime 20 posizioni: si tratta di Simone Berrino (15°), Rocco Longo e Davide Bulich (rispettivamente 19° e 20°). Nelle classifiche di categoria, oltre a Rocco e Simone, si sono fatti onore anche Armando Greco e Paola Repetti. La squadra ha conquistato il secondo posto nella speciale classifica per i gruppi grazie ai 18 atleti schierati al via alle spalle della compagine dei Marat. Genovesi.

CLASSIFICA

FOTO

CONTATTACI

Via Crispi 27,
15067 - Novi Ligure, - AL -

Tel.: +39 0143 321582
Fax: +39 0143 1970160
atleticanovese@atleticanovese.it

CONTATTO VELOCE