Phone +39 0143 321582

Stefano Pelloni (il Passatore di Roberto Moro)

Il bandito Passatore ci guarda seminascosto nella penombra, come da copione. La sua statua tiene sotto tiro i passanti dal centro della rotonda che incontriamo entrando in Faenza. Sono quasi le due di notte, ancora tre chilometri e sarà finita. Chissà se a metà ottocento Stefano Pelloni, quando morì per mano della Gendarmeria pontificia a nemmeno ventisette anni, poteva immaginare che sarebbe passato alla storia, adottato come simbolo della diretta, cruda, sincerità toscana e dell’indomito ed anarcoide spirito emiliano romagnolo, perlomeno in questo angolo d’appennino. 100 Km. del Passatore, quarantasettesima edizione. Siamo partiti da Firenze alle tre del pomeriggio in un’assolata piazza Duomo. Sul selciato più di tremilatrecento partenti con un seguito di parenti ed amici, tutt’intorno la cattedrale di Santa Maria del Fiore ed il Battistero, in alto il cupolone del Brunelleschi. Una bellezza che toglie il fiato e commuove. Carmen dopo la foto di rito mi saluta, proverà a posizionarsi lungo il percorso per un paio di appuntamenti programmati nonostante la viabilità debba subire modifiche non chiarissime, “à l'italienne”. All'interno dei cancelli la ressa è notevole, sale l'agitazione, accanto a me il gruppo di lombardi di Giuseppe, un amico pacer, incontrato sul Lago di Como. Ci sono corridori per tutti i gusti a questa classica, soprattutto non più verdissimi. A vista età media quarantacinque e più. Uomini, donne, coppie, gruppi, numerosi stranieri ed anche runners decisamente fuori forma compongono il panorama. Molti per strada si faranno accompagnare dando vita ad uno sciame di ciclisti al seguito. Noto che il colore dominante delle magliette è l'azzurro declinato in molte tonalità, la mia, dell'Atletica Novese, non si sentirà certo sola. Accanto a noi un atleta veterano in canotta sfoggia una scritta: Alessio, 2018 record mondiale….. Vedo che non disdegna il dialogo e chiacchiera volentieri, faccio la faccia buona e domando cosa significhi. Mi informa che nel settembre scorso ha stabilito il record mondiale di chilometri corsi consecutivamente in sei giorni: settecentotrentuno. Proprio così, sette “passatori” e spiccioli. Sono stupefatto. Chiedo anche se abbia dormito almeno un poco e quanti anni abbia. Risposte: si, sei ore, sessantotto. In rete si può trovare il resoconto dell'impresa che mi pare impossibile da aggettivare. Il nome dell'atleta è Alessio Malena. Partiamo sotto gli occhi curiosi delle solite centinaia di turisti che affollano l'area. Attraversiamo il centro e ci dirigiamo verso Fiesole, ci aspettano una dozzina di chilometri di salita nel caldo torrido del primo pomeriggio. La gara è corsa all'inizio in una bellissima campagna toscana dove la natura e l'uomo sembrano destinati all'armonia. Non stupisce che da qui il Rinascimento abbia cambiato il mondo. Ulivi e cipressi disegnano colline di radure e boschetti cedui. Affronteremo la salita alla mitica “Colla di Casaglia” posta al quarantottesimo a quasi mille metri, poi giù verso il ravennate. Scollinando nei tornanti viscidi e freddi dove ad ogni passo le mie dita dentro le scarpe mi ricordano che non mi hanno fatto niente di male, i più di dieci chilometri di ripida salita per arrivare fino al ristoro della sommità sono ormai archiviati. Li abbiamo percorsi in una valletta boschiva da fiaba su un asfalto madido di pioggia che dal trentesimo ha capovolto il meteo e che per fortuna ci ha preceduti di quel tanto che basta. La discesa spiana ed il paesaggio si fa selvaggio, mi ricorda la Maremma. Attraversiamo i radi paesi lindi ed ordinati che si susseguiranno fino all'arrivo nella magnifica Piazza del Popolo faentina. La gente è in festa, il clima caloroso, il tifo non manca. I fornitissimi ed efficienti ristori ogni cinque chilometri sono l'obiettivo che ti da la forza di continuare con la frontale ben accesa, spesso nel buio totale. Difficile però restare soli, a tiro di vista qualche concorrente è sempre individuabile. La parte più difficile? Personalmente gli ultimi trentacinque tentando di restare concentrato e non ascoltare un corpo ormai assai restio a proseguire. Al cancello di partenza l'incredibile recordman brizzolato, una volta compreso della mia “prima volta", mi aveva messo una mano sulla spalla e guardandomi negli occhi ha sentenziato: “Non ti preoccupare, se sei stanco rifiata, non forzare mai, andrà tutto bene". L'attestato di partecipazione stampato all’arrivo racconta di 11 ore e tredici minuti, sei e quarantatré di media sul chilometro, trecentoquindicesimo. È andato tutto bene.

I CdS regionali per ragazzi e ragazze a Novara

26 maggio - Vincenzo La Camera ci racconta tutto: …Ultime dalla pista, oggi è una data da ricordare perchè, dopo molti, tanti, troppi anni di assenza, abbiamo partecipato con la squadra femminile e maschile ai campionati di società categoria ragazzi e ragazze: questo è un evento che andrebbe festeggiato con pasticcini e brindisi perchè da sempre a una società che si occupa di atletica se viene a mancare un settore il giovanile o averne uno con un basso numero di giovani le prospettive per un grande futuro sono scarse. Voglio rimarcare che Atletica Novese in provincia è l'unica società ad avere tra gli iscritti dagli esordienti ai senior, oltre ai master: è un vanto di cui dobbiamo andarne fieri. Mi scuso per la divagazione e torno ad oggi: abbiamo sostenuto tanti allenamenti volti proprio a preparare questi campionati che, uniti a quelli dei cadetti , classificano le società in ambito regionale. Certo è molto difficile , anzi quasi impossibile, contrastare le grandi società del torinese che da sempre dominano queste categorie. Lo è ancor più per noi che siamo, si può dire, degli esordienti con quasi tutti i nostri atleti alla prima esperienza a livello regionale o addirittura un vero e proprio il battesimo della pista per alcuni dei nostri ragazzi. Nonostante questo i nostri si sono battuti con tanta grinta e dedizione ai nostri colori sacrificandosi anche in specialità a loro non proprio congeniali, pur di portare punti alla causa. Ve li presento. Per le ragazze: Allegretti Lucia 60 e 4x100, Silla Emilia 60hs e 4x100, Maggi Cora alto e 4x100, Maggio Anna lungo e 4x100, Gamalero Anna peso 3° classificata con il suo personale, Alliano Francesca vortex. per i maschietti: Adduci Daniele 60 e 4x100, Scaglia Gabriele 60 e 4x100, Picollo Daniele 60hs e 4x100, Lauretta Martino, lungo 2° classificato e 4x100, Varrone Andrea peso, Coccia Bruno vortex, Rismondo Andrea 1000mt. Come abbiamo visto due bei podi e tanti personali migliorati e altri mancati di poco. Tutti questi risultati hanno portato la nostra società al 14° posto in campo maschile e al 20° posto nelle fanciulle, addirittura nei ragazzi al primo posto in provincia. Vi confesso che mettere insieme tutte le tessere per cercare di coprire tutte le gare non è stata una cosa tanto facile: c'era da convincere i ragazzi e le ragazze a fare gare che fino a poco tempo fa neanche conoscevano. Proprio per questo dobbiamo far loro i nostri più sentiti complimenti per la dedizione e la buona volontà. Per ultimo voglio fare un grandissimo ringraziamento a Raffaele Adduci, per il grosso aiuto che ha oggi dato per la buona riuscita di questa faticosa trasferta. ciao e alla prossima. Vince.

CLASSIFICHE:

60mt ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara101.htm

60hs ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara120.htm

Salto in lungo ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara128.htm

Peso ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara131.htm

4x100 ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara147.htm

Vortex ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara177.htm

60mt ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara201.htm

1000mt ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara209.htm

60hs ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara220.htm

Salto in lungo ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara228.htm

Peso ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara228.htm

4x100 ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara247.htm

Vortex ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Gara277.htm

CdS ragazze http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Soc001.htm

CdS ragazzi http://www.fidal.it/risultati/2019/REG21297/Soc002.htm

ALBUM FOTOGRAFICO

GiocAtletica

25 maggio - Atletica Novese dedica annualmente un appuntamento all’attività delle categorie giovanili degli esordienti. Son gli atleti più piccoli, tra i 6 e gli 11 anni di età, che praticano attività per tutto l’anno coniugando il gioco con le prime esperienze di carattere agonistico. Quest’anno 125 piccoli atleti, in rappresentanza delle società di atletica di tutta la provincia, si sono ritrovati sulla pista e sulle pedane del “Costante Girardengo” per un pomeriggio che ha unito tutti nel piacere della pratica sportiva. Si è cominciato con le gare sui 50mt ad ostacoli: i bambini della categoria E10 (i più grandicelli) hanno affrontato il tracciato con ostacoli di 50 cm mentre i più piccoli hanno corso con ostacoli alti 30 cm. Subito dopo la sfida della pedana per il lancio del vortex e il percorso di destrezza. Gran finale con la staffetta 8x50mt: un giro di pista spettacolare con l’impegno spasmodico dei piccoli protagonisti che è stato accompagnato dal tifo e dagli applausi di tutti coloro che seguivano le gare dalla tribuna. Le premiazioni che hanno riguardato tutti i piccoli atleti in gara, indipendentemente dal piazzamento ottenuto nelle varie prove, sono state precedute dalla sfilata delle varie squadre (Atl.Alessandria, Atl.Serravallese, Atl.Ovadese, Derthona Atletica, ATA Acqui, Accademia dello Sport/Atl.Valenza).

FOTO di Massimo Cuzzolin

Roberto Moro e il Passatore

25/26 maggio - La 100 km del Passatore è stato fuor di dubbio l’evento del weekend: e poterne parlare in queste pagine è un punto d’orgoglio per il nostro team. Qualche giorno fa avevamo annunciato la partecipazione di due nostri atleti e l’attesa del risultato è stata di per se elettrizzante. Nella notte, alle 2 e 41, chi scrive ha ricevuto una foto e un commento brevissimo. La foto ha un qualcosa di epico: è il ritratto di Roberto Moro sul traguardo di Faenza, all’ultimo passo di una fatica immane. E il commento lapidario che ha accompagnato la foto è stato estremamente significativo:…. Passatore chiuso, gara molto dura, ciao….. Tutta la fatica e la soddisfazione per aver affrontato una sfida di tale portata erano in quelle poche parole. Il cronometro per Roberto si è fermato dopo 11h13’12’’ di gara chiudendo in 316^ posizione su quasi 2700 atleti classificati E’ invece stata più difficile l’avventura di Maura Norbiato costretta al ritiro per condizioni meteo davvero terribili intorno al 70° km. Siamo sicuri che la nostra atleta ci riproverà. Atletica Novese ringrazia Roberto e Maura per aver intrapreso questa sfida.

CLASSIFICA

 

Trail di Pozzol Groppo

26 maggio - In attesa della classifica forniamo alcune notizie sulla gara organizzata dall’Atl. Iriense (sotto egida Fidal) a Pozzol Groppo. Un trail articolato su due percorsi: uno di 6km con D+300mt Riservato alle categorie femminili e maschili over 60 e uno sulla distanza dei 13km conD+500mt riservato alle altre categorie Maschili. Annalisa Mazzarello e Sandro Trezza i nostri in gara ed entrambi sono stati capaci di conquistare il secondo posto nella categoria di appartenenza. Presente anche Marco Assandri che ha disputato la prova non competitiva.

CLASSIFICA

FOTO

Diego Scabbio domina la StraPontasso

26 maggio - Diego Scabbio protagonista nella prima edizione della StraPontasso: 9 km collinari su percorso asfaltato in val Polcevera sulle pendici del Santuario della Guardia e il nostro atleta a fare selezione in salita per poi controllare la situazione e imporsi nettamente davanti ad Andrea Rattazzi (Marat. Genovesi) e ad Andrea Sulis (Pod.Valpolcevera). Straordinaria Silva Dondero, quarta assoluta, che domina la classifica femminile. Dodicesimo e sedicesimo posto in classifica per Armando Greco e Beppe Tardito. L’altra nostra atleta in gara è stata Tina Lassen Per la classifica un ringraziamento a Claudio Vassallo.

CLASSIFICA

Sulle Colline di Nizza

26 maggio - Bella gara, senza se e senza ma. Inedito percorso collinare di 10,5 km non eccessivamente duro e perfettamente controllato, paesaggio da cartolina con la strada srotolata tra i vigneti, organizzazione precisa e puntuale: queste le caratteristiche giuste per una bella mattina di corsa. Il dato tecnico parla di 269 atleti classificati e delle vittorie di Marco Mazzon (Run Athletic Team) in 36’24’’ e della sempre straordinaria Carla Primo (Baserunning) in 41’32’’. Il migliore dei nostri atleti in gara è stato Massimo Cuzzolin , 17° assoluto, in 40’45’’ con Rocco Longo e Maurizio Traverso capaci di salire sul podio di categoria a dimostrazione che per entrambi , nel periodo, la gamba gira forte. Presenti anche Monica Tamagno, unica girl, Andrea Molinari (finalmente tornato a indossare la canotta da gara), Fulvio Giacobbe, Maurizio Chieregato, Luigi Macciò, Andrea Scaglia, Fabio Pelizza, Fabrizio Reale, Antonio Gioffrè, Piero Torchio e Massimo Giacobbe.

CLASSIFICA

FOTO

Franco Multedo alla Stralugano

26 maggio - Atletica Novese presente anche a Lugano dove, sulla distanza di Mezza Maratona si è disputata la Stralugano che ha raccolto al via eccellenti interpreti della specialità con risultati tecnici di livello assoluto: in biancoceleste era in gara Franco Multedo che ha concluso la prova in 1h43’36’’

CLASSIFICA

 

Greco, Conte e Gavuglio al Miglio Blu

25 maggio - Una gara un po’ speciale: teatro il Porto Antico di Genova e distanza che più anglosassone non si può. Un miglio a tutta velocità tra le calate e i moli. Armando Greco, Roberto Conte e Francesco Gavuglio tra i protagonisti con Armando che conquista il secondo posto nella classifica della categoria di appartenenza.

CLASSIFICA

CONTATTACI

Via Crispi 27,
15067 - Novi Ligure, - AL -

Tel.: +39 0143 321582
Fax: +39 0143 1970160
atleticanovese@atleticanovese.it

CONTATTO VELOCE